Aumentare l’autonomia su Android KitKat 4.4: ecco alcuni pratici consigli

Download PDF

android-kitkat-vilcus -Aumentare la durata della batteria, diminuire i consumi, trovare qualche trucco per arrivare a fine giornata e chi ne ha più ne metta. Queste sono alcune delle azioni che molte persone cercano di fare ogni giorno con il proprio smartphone dato che lo sviluppo tecnologico non ha portato quasi nessun miglioramento per quanto riguarda le batterie e la loro autonomia.

In questo articolo ho voluto raggruppare un po’ di consigli che ho applicato personalmente e che voglio condividere anche con voi. Come avrete letto anche dal titolo, mi rivolgo a tutte le persone che hanno uno smartphone Android con la versione 4.4 (o superiore) di Android. Alcuni consigli possono ovviamente seguirli anche chi ha versioni precedenti, sta a voi capire se c’è la possibilità o meno di poterlo fare. Per completezza vi metto il link anche dell’articolo nel quale vi ho parlato di come allungare l’autonomia del proprio telefono ricaricandolo correttamente – Allungare durata batteria smartphone ricaricandola correttamente.

• Sincronizzazione

batteria-vilcus-2In molti avrete uno o più account registrati sul vostro smartphone Android. Ma avete veramente bisogno di ricevere tutte le notifiche in tempo reale? Oltre ad un’enorme perdita di tempo questa pratica assorbe anche una notevole quantità di energia in quanto il telefono scambia dati continuamente.

Personalmente ho deciso di togliere la maggior parte delle sincronizzazioni perché se proprio voglio vedere quante mail ho ricevuto mi basta semplicemente accedere all’applicazione. Certo, a volte le notifiche in tempo reale possono risultare comode ed utili, ma la maggior parte del tempo sono solo uno sfizio.

Decidete dunque a quali account togliere la sincronizzazione, in quanto non fondamentale, andando nelle Impostazioni > Account. Lì troverete tutti i vostri account registrati ed avrete la possibilità di modificare le opzioni di sincronizzazione per ciascuno di essi (di fianco potete vedere l’esempio di Google e dei suoi servizi che al momento erano tutti sincronizzati automaticamente).

• Wi-Fi

Dire di disattivare il Wi-Fi quando non è strettamente necessario è banale, ma c’è un’altra opzione “nascosta” che potrebbe portare ad un miglioramento per quanto riguarda l’autonomia della batteria. Andando in Ipostazioni > Wi-Fi > Avanzate troverete un’opzione chiamata “Scansione sempre disponibile”. Avere attiva questa funzionalità aiuta Google ed altre applicazioni a trovare la vostra posizione per offrire un servizio migliore, basti pensare a Google Now che ci mostra alcune schede in base proprio alla nostra posizione. Ovviamente c’è anche il lato negativo, cioè che l’autonomia può risentirne.

Se ritenete fondamentale il riconoscimento della vostra posizione lasciatela attiva, mentre se non ne avete bisogno potete disattivarla risparmiando un po’ di energia.

• NFC

batteria-vilcus1 -Il chip NFC può risultare molto utile in svariate occasioni, ma ovviamente non serve averlo sempre attivo. Quando acquistai il mio Nexus 4 (circa un anno fa) avevo trovato questa opzione attiva già dalla prima accensione, quindi c’è la possibilità che anche voi non ci abbiate fatto caso e l’abbiate acceso.

Per disattivare l’NFC andate in Impostazioni > Wireless e reti. C’è inoltre anche la possibilità di disattivare Android Beam (si attiva automaticamente quando è attivo anche l’NFC), opzione utile solamente quando si vogliono trasmettere informazioni ad un altro possessore dotato di Android Beam, ma che risulta inutile in qualsiasi altro caso.

• Risparmio energia

batteria-vilcus -HTC con il One M8 e Samsung con il Galaxy S5 hanno implementato nei loro ultimi smartphone un’applicazione specializzata nel risparmiare energia. Ma sul Play Store si possono trovare moltissime alternative. Una con la quale io mi sono trovato davvero bene si chiama Battery Doctor.

Grazie ad essa avrete la possibilità di impostare o creare una modalità d’uso ed anche un piano da utilizzare in base all’orario. In pratica si possono attivare o disattivare le varie connettività del telefono e modificare alcuni parametri in maniera automatica senza doverlo fare manualmente ogni singola volta. Questa app mostra anche le applicazioni aperte in tempo reale e dà la possibilità di chiuderle per aumentare sia la memoria che l’autonomia dello smartphone.

Battery Doctor è completamente gratuita sul Play Store e se volete provarla potete scaricarla andando a questo indirizzo.

• Consigli finali

Per finire voglio darvi qualche ulteriore consiglio. Sono tutti quanti molto facili da seguire ma allo stesso tempo possono portare ad un netto miglioramento all’autonomia del vostro smartphone:

  • Disattivare gli aggiornamenti automatici del Play Store
  • Disattivare la luminosità automatica scegliendo manualmente il livello
  • Utilizzare sfondi normali e non live wallpaper
  • Non utilizzare widget inutili
  • Disinstallate le applicazioni che non utilizzate più
  • Ricaricate in modo corretto lo smartphone seguendo questi consigli 

Questi piccoli “trucchetti” sono stati utilizzati anche da me con successo e sebbene non ci sia stato un incremento strabiliante dal punto di vista della batteria, il miglioramento si è certamente visto. Se avete anche voi qualche suggerimento e volete contribuire a questa guida potete farlo tramite i commenti, sarò ben felice di aggiungerli all’articolo!

A proposito dell'autore

Fondatore
Google+

Negli ultimi anni ho provato più di 50 smartphone. Tra tutti questi, quelli che ho preferito nettamente avevano a bordo Android. La passione per il robottino verde è profonda ed il modo che ho di esprimerla al meglio è scrivere su questo blog. Recensioni, guide e consigli per sfruttare al meglio il tuo dispositivo Android sono gli argomenti principali che trovi costantemente su vilcus.com